HAI BISOGNO di AIUTO?

Offerta PLACET

L’offerta casa e impresa, a condizioni contrattuali definite dall’Autorità, ma a prezzi stabiliti da A.F. Energia

Requisiti per la fornitura di Energia Elettrica Placet

A.F. Energia Luce Placet è l’offerta per i clienti finali non domestici titolari di punti di prelievo con fornitura di energia elettrica in bassa tensione, ai sensi del comma 2.3, lettera c) del Testo Integrato delle disposizioni dell’ARERA per l’erogazione dei servizi di vendita dell’energia elettrica di maggior tutela e di salvaguardia ai clienti finali (TIV), ad esclusione dei:

  • clienti multisito, qualora almeno un punto di prelievo non ricada nei casi sopra descritti;
  • clienti titolari di forniture destinate alle amministrazioni pubbliche.

Link utili:

Informazioni sul Mix Energetico

Modulo Diritto di Ripensamento

Visualizza i Livelli specifici e generali di Qualità Commerciale

TARIFFE ENERGIA ELETTRICA PLACET

Fasce orarie di consumo Energia Elettrica

Fasce orarie di consumo dell’Energia Elettrica

FASCE ORARIE (Delibera AEEG 181/06)
Ore 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23
da Lunedì a Venerdì F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F2 F1 F1 F1 F1 F1 F1 F1 F1 F1 F1 F1 F2 F2 F2 F2 F3
Sabato F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F2 F2 F2 F2 F2 F2 F2 F2 F2 F2 F2 F2 F2 F2 F2 F2 F3
Domenica e Festivi F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3 F3
ORARI
F1 F2 F3
Ore di punta (32% delle ore) Ore intermedie (23% delle ore) Ore fuori punta (45% delle ore)
dalle 08:00 alle 19.00 dal lunedì al venerdì dalle 07:00 alle 08.00 dalle 19.00 alle 23:00 dal lunedi al venerdì dalle 07.00 alle 23:00 il sabato dalle 00:00 alle 07:00 dalle 23:00 alle 24:00 dal lunedì al sabato; tutte le ore della domenica; e tutte le ore dei seguenti giorni: 01 gen, 06 gen, lunedì dell'Angelo, 25 apr, 01 mag, 02 giu, 15 ago, 01 nov, 08 dic, 25 dic e 26 dic
Offerta placet e voci di spesa

Cos’è l’offerta PLACET?

PLACET, è un’offerta predefinita rivolta a famiglie e piccole imprese (a Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela – PLACET), a condizioni contrattuali prefissate definite dall’Autorità, ma a prezzi liberamente stabiliti da A.F. Energia, in accordo ad una struttura chiara e comprensibile.

Il nuovo strumento PLACET è stato introdotto dall’ARERA con la deliberazione 555/2017/R/com.

A.F. Energia ha nel proprio menù un’offerta PLACET a prezzo fisso e una a prezzo variabile, prevedendo la sola fornitura di energia, senza inserire servizi aggiuntivi (addendum economici o condizioni ulteriori). Le condizioni generali di fornitura sono redatte da A.F. Energia in accordo a un modulo di riferimento predisposto dall’ARERA con il supporto di un Tavolo di lavoro permanente tra i rappresentanti degli operatori e dei clienti finali.

Per il prezzo dell’energia è prevista una struttura unica, articolata in quota punto (€/cliente/anno) e in quota energia (proporzionale ai volumi prelevati – €/kWh) A sua volta la quota energia può essere variabile, cioè indicizzata al prezzo della materia prima nei mercati all’ingrosso con l’aggiunta di uno spread definito da A.F. Energia, o fissa per un anno.

L’indicizzazione della PLACET variabile per il settore elettrico sarà riferita al prezzo del mercato del giorno prima (PUN – Prezzo unico nazionale).

Prezzo fisso e Prezzo variabile

Offerte con prezzo fisso e prezzo variabile (indicizzato). Quale scelgo?

  • Con il prezzo fisso avrai una tariffa invariata per 12 mesi sulla componente materia prima. Alla scadenza ti proporremo noi la nuova tariffa 30 giorni prima della scadenza, che potrai accettare o recedere dal contratto.
  • Con il prezzo variabile (indicizzato PUN), la tariffa varia in base alle quotazioni mensili dell’indice. In questo modo puoi cogliere in qualsiasi momento le opportunità che ti offre il mercato.

I servizi di rete e altri corrispettivi

Spesa per il servizio di trasporto e gestione del contatore
E’ prevista l’applicazione in fattura dei seguenti corrispettivi:

  • le tariffe di distribuzione, misura e relativa commercializzazione così come definite dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ai sensi del Testo integrato delle disposizioni per l’erogazione dei servizi di trasmissione e distribuzione dell’energia
    elettrica (2017-2019) (TIT) e del Testo integrato delle disposizioni per l’erogazione del servizio di misura dell’energia elettrica (2017-2019) (TIME);
  • le componenti UC3 e UC6 così come definite ai sensi del TIT.

La spesa per il servizio di trasporto e gestione del contatore rappresenta circa il 21% della spesa complessiva del suddetto cliente tipo.

Spesa per oneri di sistema
E’ prevista l’applicazione di tutti gli oneri generali di sistema previsti dalla normativa vigente, in particolare la componente ASOS serve per finanziare il sistema di incentivi riconosciuti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e da cogenerazione.
La spesa per gli oneri di sistema rappresenta circa il 22% della spesa complessiva del suddetto cliente tipo.

Altri corrispettivi
Il Cliente è inoltre tenuto al pagamento degli importi e degli oneri indicati nelle CGF, oltre IVA e imposte, anche relativi a richieste per attività di competenza del distributore inoltrate dal Cliente per il tramite del Fornitore.
Al Cliente che non richiede la fattura in formato cartaceo e che opta per la domiciliazione bancaria, postale o su carta di credito dei pagamenti, è applicato uno sconto in fattura pari a 6,00 €/anno per Clienti Domestici e pari a 6,60 €/anno per Clienti Altri Usi.

Le imposte

Con la bolletta dell’energia elettrica si pagano: l’imposta nazionale erariale di consumo (accisa) e l’imposta sul valore aggiunto (IVA).
  • L’accisa si applica alla quantità di energia consumata indipendentemente dal contratto o dal venditore scelto. I clienti domestici con consumi fino a 1.800 kWh godono di un’agevolazione per la fornitura nell’abitazione di residenza anagrafica a riduzione di questa imposta.
  • L’IVA si applica sul costo totale della bolletta (servizi di vendita + servizi di rete + accise). Attualmente l’IVA per i clienti domestici è pari al 10%; per i clienti con “usi diversi” è pari al 22%.
IVA (ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica del 26/10/1972 n. 633)
Energia Elettrica %
USI DOMESTICI e assimilati - Servizi condominiali (edifici residenziali) 10%
ILLUMINAZIONE PUBBLICA 22%
Altri usi: per uso di imprese estrattive, agricole e manifatturiere comprese le poligrafie, editoriali e simili, funzionamento degli impianti irrigui e di sollevamento e scolo delle acque da parte di Consorzi di bonifica e Consorzi di irrigazione 10%
Attività diverse dalle precedenti 22%
Riferimenti normativa accise iva
ALIQUOTE ACCISA ENERGIA ELETTRICA Aggiornamento al 1° gennaio 2017
Tipologia KWh
Per le abitazioni € 0,0227 per ogni kWh D.M. 30.11.2011
Nei locali e luoghi diversi dalle abitazioni per i consumi mensili fino a 200.000 KWh: € 0,0125 per KWhArt. 3-bis, co. 3, lett. b), D.L. n. 02.02.2012, n. 16 conv. Con mod. in legge 26.04.2012, n. 44per i consumi mensili tra 200.000 e 1.200.00 KWh: € 0,0075 per KWhArt. 3-bis, co. 3, lett. b), D.L. n. 02.02.2012, n. 16 conv. Con mod. in legge 26.04.2012, n. 44per i consumi mensili superiori a 1.200.000 KWh: - per i primi 200.000 KWh € 0,0125 per KWh; - per gli ulteriori consumi € 4.820,00 mensiliArt. 3-bis, co. 3, lett. b), D.L. n. 02.02.2012, n. 16 conv. Con mod. in legge 26.04.2012, n. 44

NOTA: Salvo variazioni di ALIQUOTA dovute a casi di EMERGENZA

Prezzo lordo dell’Energia Elettrica in vigore

Dati forniti dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente https://www.arera.it/

Andamento indice PUN

Andamento indice PUN

Requisiti per la fornitura di Gas Naturale Placet

A.F. Energia Gas Placet è l’offerta per i clienti finali non domestici titolari di punti di riconsegna con fornitura di gas naturale, ai sensi del comma 2.3, lettere c) e d), del Testo integrato per l’erogazione dei servizi di vendita al dettaglio di gas naturale e gas diversi dal gas naturale distribuiti a mezzo di reti urbane (TIVG), limitatamente ai punti di riconsegna con consumi annui complessivamente inferiori a 200.000 Smc , ad esclusione dei:

  • clienti multisito, qualora almeno un punto di prelievo non ricada nei casi sopra descritti;
  • clienti titolari di forniture destinate alle amministrazioni pubbliche.

Link utili:

Modulo Diritto di Ripensamento

Visualizza i Livelli specifici e generali di Qualità Commerciale

Offerta placet e voci di spesa

Cos’è l’offerta PLACET?

PLACET, è un’offerta predefinita rivolta a famiglie e piccole imprese (a Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela – PLACET), a condizioni contrattuali prefissate definite dall’Autorità, ma a prezzi liberamente stabiliti da A.F. Energia, in accordo ad una struttura chiara e comprensibile.

Il nuovo strumento PLACET è stato introdotto dall’ARERA con la deliberazione 555/2017/R/com.

A.F. Energia ha nel proprio menù un’offerta PLACET a prezzo fisso e una a prezzo variabile, prevedendo la sola fornitura di energia, senza inserire servizi aggiuntivi (addendum economici o condizioni ulteriori). Le condizioni generali di fornitura sono redatte da A.F. Energia in accordo a un modulo di riferimento predisposto dall’ARERA con il supporto di un Tavolo di lavoro permanente tra i rappresentanti degli operatori e dei clienti finali.

Per il prezzo del gas è prevista una struttura unica, articolata in quota punto (€/cliente/anno) e in quota energia (proporzionale ai volumi prelevati – €/Smc). A sua volta la quota energia può essere variabile, cioè indicizzata al prezzo della materia prima nei mercati all’ingrosso con l’aggiunta di uno spread definito da A.F. Energia, o fissa per un anno.

L’indicizzazione della PLACET per il gas sarà riferita allo stesso indice di riferimento del servizio di tutela (il TTF, l’indice di riferimento del mercato gas all’ingrosso olandese).

Prezzo fisso e Prezzo variabile

Offerte con prezzo fisso e prezzo variabile (indicizzato). Quale scelgo?

  • Con il prezzo fisso avrai una tariffa invariata per 12 mesi sulla componente materia prima. Alla scadenza ti proporremo noi la nuova tariffa 30 giorni prima della scadenza, che potrai accettare o recedere dal contratto.
  • Con il prezzo variabile (indicizzato PUN), la tariffa varia in base alle quotazioni mensili dell’indice. In questo modo puoi cogliere in qualsiasi momento le opportunità che ti offre il mercato.

I servizi di rete e altri corrispettivi

Spesa per il servizio di trasporto e gestione del contatore
E’ prevista l’applicazione in fattura dei seguenti corrispettivi:

  • la componente QT, relativa al servizio di trasporto del gas naturale dal PSV al punto di riconsegna della rete di trasporto, così come definita dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), ai sensi del TIVG;
  • le tariffe di distribuzione, misura e relativa commercializzazione, inclusi gli oneri, così come definite dall’ARERA ai sensi della Regolazione delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2014-2019.

La spesa per il servizio di trasporto e gestione del contatore rappresenta circa il 30% (valore medio dei sei ambiti tariffari italiani) della spesa complessiva del suddetto cliente tipo.

Spesa per oneri di sistema
E’ prevista l’applicazione degli ulteriori oneri del relativo ambito tariffario nella misura prevista dall’ARERA e di volta in volta aggiornati. La spesa per gli oneri di sistema rappresenta circa il 7% della spesa complessiva del suddetto cliente tipo.

Altri corrispettivi
Il Cliente è inoltre tenuto al pagamento degli importi e degli oneri indicati nelle CGF, oltre IVA e imposte, anche relativi a richieste per attività di competenza del distributore inoltrate dal Cliente per il tramite del Fornitore.
Al Cliente che non richiede la fattura in formato cartaceo e che opta per la domiciliazione bancaria, postale o su carta di credito dei pagamenti, è applicato uno sconto in fattura pari a 5,40 €/anno per i Clienti Domestici e pari a 6,60 €/anno per i Clienti Altri Usi.

Le imposte

L’accisa per gli usi civili, e quindi per quelli domestici. E’ diversificata per le due macro zone Centro nord e Centro sud e varia a seconda di quattro scaglioni di consumo; per gli usi industriali ha un’unica aliquota per i consumi fino a 200mila standard metri cubi Smc;

L’addizionale regionale è decisa in modo autonomo da ciascuna regione nei limiti fissati dalla legge. Sia l’accisa nazionale che l’addizionale regionale si pagano in base alla quantità di energia consumata. L’IVA si applica alla somma di tutte le voci della bolletta (costo dei servizi di vendita + costo dei servizi di rete + accise); per gli usi civili è del 10% per i primi 480mc consumati, del 22% su tutti gli altri consumi e sulle quote fisse; per gli usi industriali generalmente è del 22%.

Le imposte rappresentano in media il 39% sul totale della bolletta del gas e comprendono:

  • L’imposta sul consumo (accisa)
  • L’addizionale regionale
  • L’imposta sul valore aggiunto (IVA)

Addizionale Regionale sul gas naturale

Il Decreto Legislativo 21 dicembre 1990 n. 398, art. 9, comma 2, insieme all’Addizionale regionale all’accisa sul gas naturale, ha istituito un’imposta regionale sostitutiva a carico delle utenze esenti dall’imposta erariale di consumo. Fino all’entrata in vigore di una legge regionale che ne determini l’ammontare, l’imposta sostitutiva sulle utenze esenti non è dovuta.

Per le regioni a statuto speciale non è prevista l’applicazione dell’addizionale regionale.

In Lombardia, con la Legge Regionale n. 10 del 14 luglio 2003, e in Basilicata, con la Legge Regionale n. 28 del 28 dicembre 2007, l’addizionale regionale e l’imposta sostitutiva sono disapplicate.

IVA
(ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica del 26/10/1972 n. 633)
Gas naturale %
Uso civile: Consumi gas naturale fino a 120 m3/anno 10%
Uso civile: Consumi gas naturale da 121 a 480 m3/anno 10%
Uso civile: Consumi gas naturale da 481 a 1.560 m3/anno 22%
Uso civile: Consumi gas naturale oltre 1.560 m3/anno 22%
Altri usi: per uso di imprese estrattive, agricole e manifatturiere comprese le poligrafie, editoriali e simili, funzionamento degli impianti irrigui e di sollevamento e scolo delle acque da parte di Consorzi di bonifica e Consorzi di irrigazione 10%
Attività diverse dalle precedenti 22%

Addizionali regionali Gas naturale Riferimenti normativa accise iva

ALIQUOTE ACCISA GAS NATURALE
Aggiornamento al 1° gennaio 2017
  Uso carburazione Uso combustione per usi industriali Uso combustione per usi civili
Gas naturale € 0,00331 al m³

D.L.06/12/2011 n. 201, art 15, co. 1

€ 0,012498 al m³

DPCM 15/01/1999

consumi fino a 120 m³ annui:
€ 0,044 per m³
consumi sup. a 120 m³ annui e fino a 480 m³:
€ 0,175 per m³
consumi sup. a 480 m³ annui e fino a 1560 m³:
€ 0,170 per m³
consumi superiori a 1560 m³ annui:
€ 0,186 per m³D.Lgs. 02/02/2007, n. 26, art. 2 , co. 1, lett. a)
Gas naturale territori di cui all’art. 1 del DPR 06.03.1978, n.218 (t.u. leggi sul Mezzogiorno     consumi fino a 120 m³ annui:
€ 0,038 per m³
consumi sup. a 120 m³ annui e fino a 480 m³:
€ 0,135 per m³
consumi sup. a 480 m³ annui e fino a 1560 m³:
€ 0,120 per m³
consumi superiori a 1560 m³ annui:
€ 0,150 per m³D.Lgs. 02/02/2007, n. 26, art. 2 , co. 1, lett. b)
Gas naturale territori diversi da quelli di cui all’art. 1 del DPR 06.03.1978, n. 218 (t.u. leggi sul Mezzogiorno)      

NOTA: Salvo variazioni di ALIQUOTA dovute a casi di EMERGENZA

Prezzo lordo del gas naturale in vigore

Dati forniti dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente https://www.arera.it/