Bonus sociale sulla Bolletta del Gas

E’ una riduzione sulle bollette del gas riservata alle famiglie a basso reddito e numerose. Il bonus è stato introdotto dal Governo e reso operativo dall’Autorità per l’energia, con la collaborazione dei Comuni. Il bonus vale esclusivamente per il gas metano distribuito a rete (e non per il gas in bombola o per il GPL), per i consumi nell’abitazione di residenza.

Chi ha diritto al Bonus Gas?

Il bonus può essere richiesto da tutti i clienti domestici che utilizzano gas naturale con un contratto di fornitura diretto o con un impianto condominiale, se in presenza di un indicatore ISEE:

  1. Non superiore a 7.500 euro,
  2. Non superiore a 20.000 euro per le famiglie numerose (con più di 3 figli a carico).

L’ISEE è l’indicatore di “situazione economica equivalente”. Si tratta di un indicatore che non rappresenta il reddito personale ma che permette di misurare la condizione economica delle famiglie, tenendo conto del reddito, del patrimonio mobiliare-immobiliare e della numerosità dei famigliari a carico. E’ già ampiamente utilizzato per l’accesso ad altre prestazioni a carattere sociale, soprattutto a livello locale. A titolo puramente esemplificativo: un nucleo familiare composto da padre, madre e due figli, monoreddito, in affitto e senza ulteriori disponibilità patrimoniali, rientra nella soglia ISEE di 7.500 con un reddito annuo lordo fino a circa 23.400 euro; una famiglia composta da padre, madre e cinque figli a carico, con un affitto annuo di 10.000 euro e un patrimonio mobiliare di 15.000, rientra nella soglia ISEE di 20.000 con un reddito annuo lordo fino a 75.000 euro. Nel sito dell’INPS è disponibile un simulatore per il calcolo personalizzato dell’ISEE.

Quanto vale il Bonus Gas?

Calcolo dell’importo del bonus per Comune, tipologia di utilizzo del gas e componenti familiari
Il bonus è determinato ogni anno dall’Autorità per consentire un risparmio del 15% circa sulla spesa media annua presunta per la fornitura di gas naturale (al netto delle imposte). Il valore del bonus sarà differenziato:

  1. Per tipologia di utilizzo del gas (solo cottura cibi e acqua calda; oppure cottura cibi, acqua calda e riscaldamento insieme);
  2. Per numero di persone residenti nella stessa abitazione;
  3. Per zona climatica di residenza (in modo da tenere conto delle specifiche esigenze di riscaldamento delle diverse località);

Ad esempio, per l’anno 2014, il bonus può variare per le famiglie con meno di quattro componenti da un minimo di 35 euro ad un massimo di 220 euro, mentre per le famiglie con più di 4 componenti da un minimo di 56 euro ad un massimo di 318 euro.

Come richiedere il Bonus Gas?

Per fare domanda occorre compilare gli appositi moduli e consegnarli al proprio Comune di residenza o presso altro istituto eventualmente designato dallo stesso Comune (ad esempio i Centri di Assistenza Fiscale CAF). I moduli sono reperibili sia presso i Comuni, sia sui siti internet dell’Autorità per l’energia http://www.autorita.energia.it sia sul sito Anci (www.bonusenergia.anci.it ).

Clicca qui per maggiori informazioni

Bonus sociale sulla Bolletta dell’Energia Elettrica

E’ uno sconto sulla bolletta, introdotto dal Governo e reso operativo dall’Autorità per l’energia con la collaborazione dei Comuni, per garantire alle famiglie in condizione di disagio economico e alle famiglie numerose un risparmio sulla spesa per l’energia elettrica. Il bonus elettrico è previsto anche per i casi di disagio fisico, cioè per i casi in cui una grave malattia costringa all’utilizzo di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.

Chi ha diritto al Bonus Energia Elettrica?

Possono accedere al bonus tutti i clienti domestici intestatari di un contratto di fornitura elettrica, per la sola abitazione di residenza, se in presenza di un indicatore ISEE (vedere definizione indicatore ISEE su bonus gas):

  1. Non superiore a 7.500 euro,
  2. Non superiore a 20.000 euro per le famiglie numerose (con più di 3 figli a carico).

Quanto vale il Bonus Energia Elettrica?

Nel caso di famiglie in condizioni di disagio economico e per le famiglie numerose , il bonus consente un risparmio pari a circa il 20% della spesa annua presunta (al netto delle imposte) per una famiglia tipo.
Il valore è differenziato a seconda del numero dei componenti della famiglia.
per l’anno 2014 è di:

  1. 72 euro per una famiglia di 1 o 2 persone
  2. 92 euro per 3 o 4 persone
  3. 156 euro per più di 4 persone
  4. Per i soggetti in gravi condizioni di salute il valore del bonus dal 2013 è stato modificato e differenziato in base al numero di apparecchiature medico – terapeutiche salvavita utilizzate e al tempo giornaliero del loro utilizzo.

Come richiedere il Bonus Energia Elettrica?

Per richiedere il bonus occorre compilare l’apposita modulistica e consegnarla al proprio Comune di residenza o presso altro istituto eventualmente designato dallo stesso Comune ( ad esempio i centri di assistenza fiscale CAF). I moduli sono reperibili presso i Comuni o sul sito Anci (www.bonusenergia.anci.it).

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito internet dell’Autorità. per l’energia elettrica e il gas www.autorita.energia.it o chiamare il numero verde 800.166.654.

Clicca qui per maggiori informazioni